Panoramica di "Cà de Ciafero"

Un alternarsi di saliscendi si attraversano colline e boschi!


Si parte all'altezza della chiesa di Tavarone e con la vecchia strada comunale si raggiunge Rolandelli e i villaggi Conca e Crocetta, fino a cà de Ciaferö. superate le ultime case ormai abbandonate, con un alternarsi di saliscendi si attraversano colline e boschi finchè, improvvisamente a valle si incontra, adagiato in una verde conca, la località Casté. Salendo un ripido e tortuoso sentiero si raggiunge la carrozzabile e sulla sinistra appare il vecchio rudere del Castello, ricoperto d'edera. 


Da qui per rientrare si possono scegliere due alternative: percorrere la carrabile fino a raggiungere la strada Salterana-Tavarone, oppure mediante un tortuoso sentiero che si inoltra nella macchia di fronte fino a raggiungere l'altezza di Monte Pelato. In questo caso si consiglia di raggiungere la cima del colle per ammirare il panorama sottostante. 
Da Monte Pelato si torna a Tavarone.